Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Pin It

Poesia di Virginio Serafini
Come del tempo le foglie gialle

Urlo, l’eco nella valle,
Una piuma cade lenta, lacrima sul viso.
Cedri secchi e tondi
In mari di verde.
Chiuso nel proprio cuore
Uno sguardo sussurra tristezza
E la mente sorda, porta
Lentamente, solitudine.
Tra le fronde dei pini
E dei rari discorsi
Le ore a frapporsi
Ai nostri confini.
Cigola spesso il letto di rose
Guanciale di giovani spose
E prati racchiusi in inutili scrigni
Le facce di infinite medaglie.
Cade, ma senza rumore
Cade, non senza dolore.
Gli occhi, vecchi e stanchi
Si chiudono
E si riaprono,
foglie gialle
d’autunno.

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti