Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

presepe Reportonline
Poesia di Vincenzo Padula
La notte di Natale

E 'na vota, mo v'a' cuntu,
'e dicembri era 'na sira:
'u Levanti s'era juntu
cu' Punenti, e tira tira,
si scippavanu 'i capilli,
e 'nfugavanu li stilli.
Niuru cumu 'na mappina
'u ciel'era, e spernuzzati
cumu zinzuli 'e cucina,
jianu 'i nuvi spaventati;
e lu scuru a fella a fella
si facia cu' li curtella.
Quannu scavuzu e spinnatu

e Sionni pe' la via
jia 'nu viecchiu arrisinatu,
avia 'n'ascia alla curria:
muortu 'e friddu e povar'era,
ma omu e Diu paria alla cera.
Tocca-pedi a lu vecchiottu,
pe' la strada spara e scura,
caminava 'ncammisuottu,
(for' maluocchiu!) 'na Signura
cussi' bella, cussi' fatta,
chi na stilla 'un ci si appatta.
'Nfaccia avia 'na rosicella,
'a vuccuzza era 'n aniellu;
ti paria 'na zagarella
russu 'e sita, 'u labbriciellu
scocculatu e pittirillu,
tali e quali 'nu jurillu.
Era prena 'a povarella,
prena 'rossa, e ti movia
tunna tunna 'a trippicella,
chi 'na varca ti paria,
quannu carrica de 'ranu
va pe' mari, chianu chianu.
O figlioli, chi 'mparati
ssa divota mia canzuni,
via! 'i cappella vi cacciati,
vi minditi gninocchiuni.
Chillu viecchiu... e chi 'u' lu seppi?
si chiamava San Giuseppi.
E la bella furracchiola,
chi camina appriessu ad illu,
pe b' 'u diri, 'un c'e' parola,
sugnu mutu pe' lu trillu...
Mo, de vua chi si la sonna?
si chiamava la Madonna.
Pe' lu friddu e lu caminu,
'a facciuzza l'era smorta.
'Nu palazzu c'e' vicinu,
s'arricettanu alla porta;
pu' - e tremavanu li manu -
trocculianu chianu chianu.
- Cannaruti! - li ricconi
cancarianu, e nu' rispunnu;
c'e' 'n orduru 'e cosi boni,
i piatti vanu 'ntunnu,
ed arriva lu fragasciu
d' 'i bicchera fin'abbasciu.
Tuppi -tuppi! - - Chin'e' lluocu? 
 E 'nu povaru stracquatu,
senza liettu, senza fuocu,
cu' la mugli a bruttu statu.
Pe' Giacobbi e pe' Mose',
'nu riciettu, cca ci n'e'? -
O figlioi, lu criditi?
chillu riccu (chi li pozza
'u diavulu i muniti
'ncaforchiari dintr' 'a vozza),
a 'nu corsu, chi tenia,
dissi: - Acchiappa! Adissa! A tia! 
'A Madonna benadissi
chilla casa; e allu maritu:
Jamuninni fora - dissi -
mina 'i gammi, e statti citu. 
Si ligau lu muccaturu,
e si misi pe' lu scuru.
Ma spattarunu la via,
e cadianu 'ntroppicuni:
mo 'na sciolla si vidia,
mo 'na trempa e 'nu valluni:
era l'aria propriu chiara
cumu siettu de quadara.
Ni sentiu 'nu pisu all'arma
tannu 'a luna virginella,
quannu viddi chilla parma
de Signura cussi' bella
'ntr' 'a zanca, 'mmulicata,
senza mai trovari strata.
E cacciannu 'a capu fora
de 'na nuvi, chi lu vientu
fici a piezzi, la ristora,
cielu e terra fu 'n argientu;
l'alluciu tutta la via,
e li dissi: - Avi, Maria! -
Pe' lu cielu, a milli a milli,
a 'na botta, s'appicciaru,
s'allumarunu li stilli,
cumu torci de 'n ataru:
e si 'n acu ti cadia,
tu l'ajjavi mmienzu 'a via.
C'era la', ma allu stramanu,
fatta 'e crita e de jinostra,
'na casella de gualanu
ch'allu lustru s'addimostra:
spuntillarunu lu vetti,
e la porta s'apiretti.
San Giuseppi, c'ha lu mantu,
si lu sgancia 'nfretta 'nfretta,
ci lu spannidi a 'nu cantu,
'a Madonna si ci assetta;
e li scuoccula vicinu
d'ugne juri 'nu vurbinu.
Supr' 'u cori 'na manuzza
si tenia, pecchi' era stanca;
appoggiava la capuzza
chianu chianu supr' 'a manca;
pua, stenniennu li jinuocchi,
quieti quieti chiusi l'uocchi.
Era aperta, e 'nu granatu
'a vuccuzza assimigliava,
ordurusu escia lu jatu,
chi lu munnu arricriava;
cullu cuorpu illa dormia,
ma cull'arma 'ncielu jia.
Culla menti illa si sonna
d'arrivari 'mparavisu;
senti diri: - E' la Madonna!
Chi sbrannuri c'a' allu visu! 
Santi ed Angiuli li pari
ca s' 'a vuolunu 'mpesari.
E la portanu vicinu
d' 'u Signuri, e lu signuri
si scippava de lu sinu
propriu 'u figliu, e cud'amuri
ci 'u dunau cumu 'nu milu,
e li dissi: - Tienitilu! -
Ma tramenti chi si sonna,
pe' lu prieju e pe' lu trillu,
si risbiglia la Madonna
e si guarda, e lu milillu
va trovannu, chi l'e' statu
'intra suonnu rigalatu.
Eccuti' ca biellu biellu,
'ncavarvatu supr' 'a gamma,
si trovau lu Bomminiellu,
chi shcamava: - Mamma! Mamma! 
Viata Illa, affurtunata!
'Intra suonnu era figliata...
Ca', cum'esci 'na preghiera
de la vucca de li santi,
cussi' 'u figliu esciutu l'era
senza dogli a chillu 'stanti,
cum'orduri 'e rosi e midi
esci, ed esciari 'un si vidi.
Illa 'u guarda, e ginocchiuni
tutt'avanti li cadia;
l'aduràu:pu' 'na canzuni,
chi d''u cori li venia,
pe' lu fari addurmentari,
'ngignàu sùbitu a càntàri.

traduzione in Italiano
E una volta, ora ve lo racconto, era una sera di dicembre: il Levante s'era unito col Ponente, e tira tira, si strappavano capelli e rnettevano in fuga le stelle. Nero come un tovagliolo era il cielo e sparpagliate corne cenci andavano le nuvole spaventate; e il buio si tagliava a fette con i coltelli. Quand'ecco, scalzo e calvo, andava per la via a Sion un vecchio intirizzito, aveva una scure alla cintola: morto di freddo e povero era, ma uomo e Dio pareva all'aspetto. Seguendo i passi del vecchietto per la strada disuguale e scura camminava chiusa nella sua gonna di contadina (fuori il malocchio) una Signora così bella: così ben fatta che una stella non reggeva al confronto con lei. Il viso era una rosa, la bocca era un anello; sernbrava un nastrino rosso di seta, le labbra sbocciate e piccoline, tali e quali a un fiorellino. Era incinta la poverina, incinta all'ultirno rnese, e muoveva il piccolo ventre tondo tondo al punto che sembrava una barca quando colma di grano va per mare piano piano. O figliuoli, che imparate questa mia devota canzone, via! Toglietevi i cappelli rnettetevi in ginocchio. Quel vecchio... e chi non lo sa? si chiamava San Giuseppe. E la bella giovane che cammina appresso a lui, per dirvelo non trovo parole, sono mto per la grande gioia... Ora, di voi chi se la sogna? si chiamava la Madonna. Per il freddo e il (troppo) camminare, il viso s'era sbiancato. C'è un palazzo vicino, si awicinano alla porta,
poi - e tremavano le mani bussano piano piano. - Ghiottoni - i ricconi mangiano avidamente e non rispondono; c'è odore di cose buone, i piatti vengono serviti a rotazione ed arriva il fracasso dei bicchieri fin giù. - Toc-toc - Chi è lì? - E' un povero stracco, senza:
letto, senza fuoço, con la moglie in brutto stato. Per Giacobbe e per Mosè, un ricovero qua si trova? O figliuoli, lo credete? Quel ricco (che lo possa il diavolo soffocare di monete) a un cane che aveva, disse: -Acchiappa, dài, a te. -La Madonna benedisse quella casa; e al marito: - Andiamocene via -, disse -rnuovi le gambe e sta' zitto -.Si legò sul capo il fazzoletto e si mossero per l'oscurità. Ma sbagliarono strada e caddero inciampando: ora si incontrava un dirupo, ora un'altura o un vallone: l'aria era proprio chiara corne un fondo di caldaia. Ne sentì un peso nell'anima allora la luna verginella, quando vide quella palma di Signora così bella dentro il fango, imbrattata, senza mai (riuscire a) trovare strada. E mettendo fuori il capo da una nuvola, che il vento fece a pezzi, la ristora, cielo e terra fu un argento, illuminò tutta la via, e le disse: - Ave Maria! - Per il cielo a mille a mille d'un tratto s'accesero le stelle, come candele di un altare: e se un ago ti cadeva, tu lo trovavi in mezzo alla strada. C'era lì, ma fuori di mano, fatta di creta e di ginestra, un ricovero di pastore che si mostrò grazie alla luce: tolsero il puntello, e la porta si aprì. San Giuseppe, che ha il mantello, se lo toglie in fretta e lo stende in un cantuccio, la Madonna ci si stende; e le sboccia vicino un'aiuola d'ogni fiore. Sul cuore aveva poggiato la manina, perché era stanca; appoggiava il piccolo capo piano piano sulla sinistra; poi, stendendo le ginocchia,
chiuse gli occhi quieta quieta. La piccola bocca era aperta e somigliava a una melograna, il fiato le usciva odoroso, per far beare il mondo; con il capo lei dormiva, ma con l'apima era andata in cielo. Con la mente lei sogna di giungere in Paradiso; sente dire: -
E la Madonna! Che splendore ha sul viso! -.Santi ed Angeli le pare che vogliano mettersela sulle spalle. E la portano vicino al Signore e il Signore si strappa dal seno proprio il figlio, e con amore glielo dà come una mela e le dice: -Tienilo! -.Ma mentre sogna per l'allegrezza e per la gran gioia, si risveglia la Madonna, e si guarda, e la piccola mela va trovando, che le è stata regalata nel sogno. E così bello bello messo a cavalcioni su una gamba si trovò il Bambino, che gridava: Mamma! Mamma! Beata Lei, fortunata! Nel sogno era partorita...
Già, come esce una preghiera dalla bocca dei santi, così il figlio era uscito senza dolori in quell'istante, come odori di rose e di miele escono, ed uscire non si vide. Lei lo guarda e in ginocchio davanti gli cade; l'adora, poi una canzone, che le veniva dal cuore, per farlo addormentare cominciò subito a cantare.
(Versione di D. Maffia)

Potrebbero interessarti