Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-vincenzo-fiaschitello/poesia-di-vincenzo-fiaschitello-sgattaiola-il-micio.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktdmluY2Vuem8tZmlhc2NoaXRlbGxvL3BvZXNpYS1kaS12aW5jZW56by1maWFzY2hpdGVsbG8tc2dhdHRhaW9sYS1pbC1taWNpby5odG1s
    it-IT

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
     

    gattino piccolo
    Poesia di Vincenzo Fiaschitello  
    Sgattaiola il micio

    Sgattaiola il micio della nipotina,
    annusa ogni angolo della casa,
    sale sulla pila delle riviste riemerse
    dalla cantina, dopo sessanta anni.
    Odori di antichi insetti,
    odori di topi sulle pagine
    smangiate ai bordi.
    Ombre di topi per il gatto,
    ombre di illustri personaggi
    che hanno riempito la vita
    di forti idee, di valori educativi
    per le nuove generazioni di allora.
    Leccandosi i baffi, va a riposarsi
    su un tappeto.
    Leccandomi le ferite dell'anima,
    anch'io cerco di riposare, tenendo
    lontano il torpore della morte,
    rannicchiato come feto nel ventre
    della madre, sognando ancora
    viaggi impossibili per luoghi inesistenti.

    Commenti

    Potrebbero interessarti