Poesia di Vincenzo Fiaschitello - Sera al porto
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Sera al porto

Hanno spento vele e motori

le barche da diporto,

traboccano di gente le osterie,

mangiano pesci della notte avanti.

All'alba tornano i pescatori

con i lumi ancora accesi

le cerate sulle spalle

e i gambali di gomma ai piedi.

Prima che si affacci il sole

in fretta posano sul molo

ceste di vita guizzante,

che di mano in mano dal gran

mercato tra un coro discordante

di voci partono per l'ultimo

viaggio, ora che anche il cielo

ha spento le sue luci.

Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti