Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Palmira
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 
Palmira cadde

                                                                              Palmira cadde.                                                                             

                                                  Palmira, la cosa

                                               più bella della Siria!

Non bastò la testa mozzata
di chi l'amava più dei suoi occhi.
Non bastò il sangue
di chi a lungo la difese.
Le colonne, come boschetto
dì alberi cresciuti sulla vasta
pianura del deserto, cedettero
perché mancò l'amore,
l'acqua che le teneva in vita.
Splendenti, da duemila anni,
ora divelte dall'odio, queste
piante nella muta sabbia
non fioriranno mai più.
Più non vi torneranno le rondini
a primavera.
Vibrano gli echi delle esplosioni
fino all'Eufrate.
E anche il fiume piange!

Potrebbero interessarti