Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

nibbio
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 

Leonardo e il nibbio

Nell'afa pomeridiana da un cielo
sereno, fulmineo calò il nibbio
a ghermire il giallo pulcino
sfuggito alla chioccia.
Chiudi il cuore al sentimento
di pietà per il piccolo essere
che per necessità di natura
da preda fece e nella memoria
di un istante ti resta un sibilo
che l'aria fa vibrare, un volo
perfetto ma pur sempre carico
di rischio, la conquista di un obiettivo,
inscritto nell'abisso di uno spazio,
per diletto e stimolo di fame.
Quel volo temerario che l'aria
trivella, quel battito di ali,
quel torcere della coda, quel moto
del capo e quegli occhi fissi
sulla preda, Leonardo attentamente
scrutò e con mirabile pazienza
tutto trascrisse e tradusse in segni
arditi e belli.