Poesia di Vincenzo Fiaschitello - La xylella
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello  
 La xylella 

Ha mitragliato i secolari ulivi

la xylella delle Puglie.

Dall'uno all'altro volò caparbia

a rodere l'anima delle foglie,

a mordere una vita, pianta per pianta,

lasciando incollati all'oscurità

della notte gracili tronchi:

fantasmi sotto le stelle!

E lui che ha dato tutte le sue risorse

a quella distesa di ulivi si aggira

tra le piante morte e piange,

maledicendo il clima il vento

e...gli extracomunitari.

Dalla finestra, la donna d'improvviso desta

pesa le sue lacrime, a voce bassa

il suo nome pronuncia e decisa va

tra quei fantasmi; gli sussurra parole

che annegano il dolore e issano

la bandiera di una nuova alba.

Infranta la disperazione, inventa

il coraggio e lo risveglia alla vita.

Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello