Login

Poesia di Vincenzo Fiaschitello - La roba perduta
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello 
La roba perduta

L'aspettammo tre mesi il merci

che mai arrivò, con fiducia

decrescente di giorno in giorno,

finché l'autorevole personaggio

ci disse: Considerate perso tutto!

E il bimbo ancora incredulo:

Anche il mio cavallo di legno?

Si chiedeva il padre a quale scalo 

una bomba d'aereo polverizzò

il treno o in quale aperta campagna

fu depredato da bande di ladroni.

Lasciammo la piccola stazione

e tornammo alla casa semivuota.

La nostra malinconia intrisa

di silenzi, sbocconcellavo i miei 

pensieri di bambino inconsapevoli

dello smarrito dolore.

Commenti

Potrebbero interessarti