Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
L'eremo di S.Silvestro


Irritate onde sono i ricordi
che s'infrangono sulla scogliera
della memoria:

vanno e tornano incessantemente spinte

dal violento vento di maestrale.
Riposate, non portatemi più

fantasmi del passato.

Desidero l'ora dei silenzi,
l'ora della dimenticanza

e la fraganza del tarlato seggio

di un ignoto silvestrino
chiuso nel suo eremo solitario.
Come scricchiolano le foglie d'autunno
sotto i miei passi!

Vorrei affondare il ricordo

delle mie lunghe stagioni passate

entro i sassi sporgenti che coronano
questa chiesa al cielo elevata

sull'antico selvaggio monte Fano

dall'ampia linea curva

che a ponente guarda al Catria.
Vuote sono le ampolline del vino e dell'acqua
tristemente lasciate

in un angolo buio della cripta.

Potrebbero interessarti