Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

sarta Paul Gauguin
Poesia di Vincenzo Fiaschitello
L'azzurra camicia

L'azzurra camicia che portavi,
bambino sorridente nella foto
di famiglia, cucita dalle mani
della vecchietta della porta accanto,
non si chiudeva bene al petto
ma nonostante il piccolo difetto,
tu eri colmo di gioia, Al lampo
del fotografo esplodeva la tua
fanciullezza e nulla ancora
sapevi della polvere del tempo,
della luce obliqua che illumina
la cenere di legnosi fatti
dalla vita disfatti, più freddi
del silenzio della gelida notte,
E nella mente ti torna la roccia su cui
s'alzava il bel tempio di San Francesco,
dove nell'interminabile controra
gareggiavi con i compagni aggrappato
in difficile equilibrio alla parete
esterna sulla via, Alfine sanguinavano
le mani intrise di umido intonaco,
polvere e sangue come l'amore della vita
che spedita andava srotolandosi
con indicibile stupore e sgomento.