Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Il vecchio contadino

L'ernia del vecchio contadino
senza cinto di contenimento era
come il paio di "viertuli"(1) pieni
di panari di racina appesi alla groppa
dell'asino che piano piano
lo seguiva lungo la carraia.
Andava ripetendo :-"Fimmina fitusa!"-
a voce alta e l'asino drizzava le orecchie
come fosse un richiamo per lui.
Anche nella cattiva annata la moglie
aveva osato vendere di nascosto
un "tuomolo" di grano. Non si dava pace
e aveva quasi la bava alla bocca.
Arrivando a casa, il gatto gli veniva
incontro miagolando, il cane scodinzolando
gli s'accucciava ai piedi. Gli tornava infine
il sorriso: in fondo la buona donna nulla per sé
aveva tenuto,le scarpe e i vestiti d'organza
per le quattro figliole avevano succhiato
i denari dei suoi loschi affari.

(1) bisacce