Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ibn Hamdis
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 
Ibn Hamdis

Ibn Hamdis, la tua terra
fu la mia terra.
La stessa malinconia
ci invase il cuore alla partenza.
Tu lanciasti il tuo cavallo
dal bianco nitrito nell'alba
marina per l'esilio che ti imposero,
io sopra la verde littorina
dal forte odore di nafta.
Tu lasciavi il tuo giardino
odoroso di zagara e gelsomino,
simile a quello di Semiramide,
io lasciavo la fertile giovinezza
aggrappata alla voce che più
non avrei mai potuto bere.
In modo analogo, tempo e distanza
si posarono sul tuo e sul mio cuore,
scrissero e scrivono sensibili
sequenze di poesia che diedero
e danno senso alla vita, superficie
agitata dello stesso mare
dell'essere di allora e di ora.

1): Il più grande poeta arabo della Sicilia ( Noto 1056 - Spagna 1133)