Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Favignana IV

Mi pesa sul cuore il canto
dell'uccello mattutino.
Per sé, la luce del primo sole
vuole la pena vera che mi porto
dentro. Sa di sale quest'aria,
soffia alle narici
e mi opprime il respiro più
che i fantasmi dei notturni sogni.
Lungo il vicolo che scende
alla marina, rugginosi scafi
di vecchie barche dormono
arenati alle pareti delle case.
Muove il vento una tenda
alla finestra, un viso filtra
di ansiosa donna,
sull'uscio un vecchio con boccate
lente e ritmate aspira
la sua pipa e l'orizzonte scruta
lanciando volute di fumo,
aerei pensieri si sciolgono nell'aria.