Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Aleppo
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 

Aleppo, Aleppo!

Ma dove state nascoste,
ragazze di Aleppo?
Anche là, le bombe vi raggiungeranno,
colpiranno le vostre teste, ridurranno
a brandelli le vostre vesti,
cospargeranno di cipria i vostri volti.
Sono liberi solo i vostri pensieri.
Ma c'è ancora la vostra scuola?
E i banchi da dove ascoltavate
la lezione sulla libertà dei popoli,
sulla solidarietà tra gli uomini della terra?
Tutto è crollato, tutto è polvere e macerie.
Dove un momento prima volavano
gli aerei da caccia, ora fate volare
i vostri aquiloni, dove prima ardeva
il fuoco della guerra, ora scaldate
i cuori della gente col vostro amore,
dove prima c'era l'orrido paesaggio
di distruzione delle vostre case,
ora c'è il sogno di una città
risorta e rinnovata.
Aleppo, Aleppo! Città di antiche glorie,
di Ittiti, di Assiri e di Romani,
non dimenticate Dafne, che si sottrasse
all'arroganza di chi la voleva sottomettere
e piegarne la resistenza.
Torna libera e grande tra il profumo
di alloro delle tue vie.

Potrebbero interessarti