Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Madre, che cosa è rimasto

Madre, che cosa è rimasto 

del nostro cammino verso Lincino

lungo il sentiero tra mandorli

e carrubi abbandonati alle rocce?

Colline polverose, doveri di poveri

esseri, polline in cerca di destini,

confusione come infiorescenze 

di primavera, tutto pesava sul cuore.

Incrociavo talvolta il tuo sguardo

durante le tue febbrili devozioni

e immaginavo la tua voce salire

nei cieli come leggero vento che

pietosamente invadeva la soglia 

dei santi protettori da sempre venerati.

Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti