Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Totò
Ma che dulore!

State a sentì, ve voglio dì na cosa,
ma nun m'aita chiammà po' scustumato;
chello ca v'aggia dì è na quaccosa
ca i' penso che vvuje ggià nn'ite parlato.

Sta cusarella è ccosa ca sta a cuore
a tuttequante nuje napulitane:
sentennela 'e struppià, ma che dulore,
p'arraggia 'e vvote me magnasse 'e mmane!

Ma nun è proprio chisto l'argomento,
si 'a 'nguaiano o no la povera canzone...
Sanno parlà sultanto 'e tradimento!
'A verità, stu fatto m'indispone.

Na vota se cantava " 'O sole mio ",
"Pusilleco... Surriento... Marechiaro",
" 'O Vommero nce stà na tratturia "...
«A purpe vanno a ppesca cu 'e llampare»..

Chelli parole 'e sti canzone antiche,
mettevano int' 'o core n'allerezza;
chesti pparole 'e mo?... Che ffà... V' 'o ddico?
Nun è pe criticà: sò na schifezza!

«Torna cu mme... nun 'mporta chi t'ha avuta»
«'O ssaccio ca tu ggià staje 'mbraccio a n'ato»...
"Stongo chiagnenno 'a che te ne si gghiuta»...
«Che pozzo fà s'io songo 'nnammurato»..

Mettimmece na pezza, amici cari,
e nun cantammo cchiù: "Tu m'he traduto".
Sentenno sti ccanzone, a mme me pare,
'e sta' a sentì 'o lamiento d' 'e curnute!

Leggi le più belle Poesie di Totò

Commenti

Potrebbero interessarti