Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Totò
L'indesiderabile

Non so perchè se entro in una casa
è comme fosse entrato 'o schiattamuorto.
E nun mme faccio ancora persuaso
pecchè sta ggente po' mme guarda stuorto,
e sotto 'a lengua 'e ssento 'e rusecà.

«Ih quanto è brutto! Pozza jettà 'o sango!»
«Io 'o desse nu bicchiere 'e stricchinina!».
«Io quanno 'o veco faccio 'a faccia j'anca».
"Se n'adda accattà tutte mmericine!".
«Sotto a nu trammo mo che ghiesce 'a ccà!».

E nun capisco, po' pecchè sta ggente
si mostra si villana e senza classe,
che tengo 'a rogna, neh? I' so ll'agente,
ll'agente incaricato delle tasse.
'0 contribuente mm'adda rispettà!

Leggi le più belle Poesie di Totò

Commenti

Potrebbero interessarti