Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Tonino Guerra
Un dè 'd utòubar...

Un dè 'd utòubar i s'è mèss a caminé
te fiom longh i sentìr ad sabia e dri
callinguètti 'd aqua ch'al sèlta tra i sas.
De mèr u i avéva zcòurs piò di tott
una piscèra che fina e' melanovzentquarènta
la i arivéva a là sò in biciclètta,
pu la s'è fata e' sidecàr e la purtéva
al casètti pini 'd giàz e pès
e la racuntéva ch' u i era dal bés-ci 
drointa l'aqua, piò grandi dal munghèni 
e che dal volti u s'arenéva dal baléni 
ch'l'era dal muntagni ad chèrna 
sòura la sabia.
Rico e la Zaira i n éva mai vést e' mèr
che in linea 'd aria, pasénd da i sentìr de fiom,
l'era a trénta chilometri gnénca.
Adès ormai ch' i avéva quési utènt'an 
i s'è deciois a fè che viàz ad nòzi a pì.
ch'i éva armànd d'aD in ano I stéva 
a Petrèlla Guidi, un ghèt ad chèsi vèci
in dò che ogni tènt u i era di càval
ch'i scapèva dal mèni de manischèlch
e i féva al lozzli sòUa i zòcal mat
e 'd nòta u i era l'udòur de pèn ch' i l cuséva
te fòuran e t al sentévi da drointa te lèt,
ranicéd ti béus di mataràz ad fòi. Rico 
l'à fat e' barbìr quèsi stènt'an ma i oman 
mal dòni e pu e' tuséva i sumàr e al pigri; 
la Zaira la féva al fazèndi 'd chèsa 
e dal volti la tnéva e' cado in dl'aqua 
in dò che l'artésta e' lavéva e' pnèl. 

da Il viaggio


[Un giorno d'ottobre si misero in cammino nel fiume, lungo i sentieri di sabbia, dietro
quelle linguette d'acqua che saltano tra i sassi. Del mare i due avevano scorto soprattutto
una pescivendola che fino al millenovecentoquaranta arrivava lassù da loro in bicicletta; poi
s'era fatta il sideçar e portava le cassette piene di ghiaccio e pesci e raccontava che vi erano
bestie dentro l'acqua, più grandi delle vacche e che a volte si arenavano balene che erano
montagne di carne sulla sabbia. Rico e la Zaira non avevano mai visto il mare che in linea
d'aria, passando per i se!1tieri del fiume, distava sì e no trenta chilometri. Adesso che
avevano quasi ottant'anni s'erano decisi a fare a piedi quel viaggio di nozze che avevano
rimandato d'anno in anno. Abitavano a Petrella Guidi, un ghetto di vecchie case ove ogni
tanto c'era qualche cavallo che scappava dalle mani del maniscalco e faceva le lucciole
sotto gli zoccoli matti e di notte l'odore del pane che cuoceva nel forno, te lo sentivi fin da
dentro il letto, rannicchiato nei buchi del materasso di foglie. Rico aveva fatto il barbiere
quasi settant'anni per gli uomini e per le donne e poi tosava i somari e le pecore; la Zaira
sbrigava le faccende di casa e a volte teneva il catino d'acqua in cui l'artista lavava il
pennello.

Versione dell'autore