Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Tommaso Grossi
Taseva tutt...


Taseva tutt, ma in fin de la campagna
sentiva on vers ch'el me passava al coeur.
Piangend, tremand voo inanz; vedi ona cagna
che la lecca sù el sangu de vun che moeur:
quest l'è sott a on cadaver, ch'el ghe bagna
tutta la faccia de sanguusc; e 'l voeur
storgendes, strepitand de scià e de là .
come trassel de doss per refiadà.

In quel mentre dall'ultima campagna
un fioco move sospirar profondo.
Tremante accorro, veggo ingorda cagna
lambir sul petto il sangue a un moribondo,
a cui la faccia un cadavere bagna,
mozzo del capo e d'altro sangue immondo:
veggio scuotersi lui di vita al varco,
tentando torsi quel ferale incarco.

EI cadaver ch'el gh'ha dessoriava
l'è tutt insanguanent e senza coo:
guardi quell sott: stravedi? esusmaria!
quell color! quell vestii!... voo innanz on poo,


Narra la patetica fuga d'amore di una fanciulla milanese, Isabella, al segiIito del giovane Luis, che partecipa alla spedizione napoleonica in Russia: aiutata dal fratello Pedrin, può nascondersi in abiti maschili fra le truppe.
Nelle ottave qui riportate, essa scopre, dopo una terribile battaglia Luis morente e poi il cadavere del fratello. Intercalata alle ottave in dialetto milanese è la versione italiana dello stesso Grossi, nella quale Luis è ribattezzato
Terigi, e Pedrin, Femando.



ah! che l'è el mè Luis: me se rescia
i cavii su la front; troo on sgarr, e voo
come on sass già per terra adoss a lù,
strengendel in d'i brasc, basandel sù.

Più m'avvicino, gorgogliar sentendo
voci indistinte e rotte dal respiro:
attente al basso suon le orecchie intendo,
oh Dio! m'illuser, o il mio nome udiro?
Mi balza il cor, trema la man, che stendo
~ svelar quella (ronte, Ahimè che miro?
E il mio Terigi! Fuor de' sensi uscita
fra le sue braccia piombo tramortita.

Ghe senti a batt el coeur; sbalzi in genoeucc,
me strasci giò tutt i vestii de doss
per fassagh chì in sul stomegh on gran boeucc
ch'el perd el sangu, e 'l lassa vedè i oss.
Lù allora sospirand el derv i oeucc,
el me ved, el me fissa, el me cognoss;
e inserenandes in faccia, el se tira
ona mia man sul coeur, e poeu el me spira.

All'affannoso palpitar riscossa
del cor di lui che sotto al mio battea,
mi sollevava sui ginocchi, e rossa
nel sen profonda piaga gli vedea,
che orrendamente scavernata e scossa
dal convulso respir sangue piovea:
mentre il mio nome con mancante Iena
accenna il labbro moribondo appena.

Le vesti e i crin mi straccio, e fra le angosce
d'un dolor disperato frenar tento
quel sangue che gli sgorga a larghe trosce .
Egli alza intanto un guardo lento lento
e mi vede, m'affissa, mi conosce:
brilla la gioia su quel volto spento,
la man mi prende, se la stringe al core
e nel sorriso della pace muore.

EI coeur el ghe batt pù, l'ha pers el fiaa;
mì foo per saltà in pee, ma borli già
a toppicon adoss a on coo taiaa:
col pocch sentor che me restava anmò
fissi quell coo... I'è tutt insanguinaa,
tutt sporscellent; ma se distingu però
la faccia; è el forgi el coo de mè fradell?
Esuss Maria Signor! l'è propri quell.

Il palpito cessò, fredda è la mano
che ancor la mia teneramente serra:
rizzarmi io tento, ma lo sforzo è vano,
ricado addosso a un mozzo teschio in terra:
la man lo tocca, dal dolor già insano ,.
l'occhio sul volto spaventevol erra.
In mezzo al sangue e alle ferite, oh Dio!
scorgo le forme del fratello mio.

Resti lì come stupida, insensada,
senza podè nè moeuvem nè sgarì:
me pariva de vessem insognada,
o che in quell menter fuss adree a dormì:
hoo pers i sentiment: m'han poeu trovada
lì insci per terra in sul s'ciariss del dì,
e m'hall portada in Mosca mezza morta,
senza che mi me ne fudess accorta.

Così la piena del dolor m'avea
l'intelletto travolto e ottenebrato,
che stupida fra me quasi credea,
pensando a' mali miei, d'aver sognato:
mortal letargo quindi m'opprimea,
né più senso serbando di mio stato
veniva poscia da pietosa cura
moribonda recata in fra le mura.

da La Fuggitiva, otto 49-53

Potrebbero interessarti