Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 


puledro
Poesia di Sebastiano Satta

Il poledro

Maraviglia a vederlo! la cervice
stellante tra la nitida criniera
erse il poledro, schiusa la narice
ai soffi ardenti della primavera.

Nessun dei giovinetti, audace schiera
di ardimenti e di prove sfidatrice,
osava premer quella groppa nera
come il tormento e correr la pendice.
Gloria a chi primo lo cavalca! - disse
il vecchio: ai giovinetti tremò il cuore:
allor nella criniera gli confisse
egli l'artiglio e, saldo in groppa come
un drago, sparì via col corridore
dritto il bel capo tra le grigie chiome.

Questo giovane cavallo è presentato con immediatezza nello splendore del suo manto pezzato e in tutta la sua focosa baldanza. Nessuno fra i giovani, pur coraggiosi, ha l'ardire di cavalcarlo; un vecchio allora afferra la criniera, balza sulla groppa e il puledro galoppa via fremente. li: una descrizione piena di vigore e di immagini balenanti.

Leggi Le Poesie di Sebastiano Satta