Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesie di Sebastiano Satta
Poesia di Sebastiano Satta

Ditirambo di giovinezza

Date l’acquavite alle mani,
Prendete la tasca e lo schioppo
E andiamo. Ohilà! che galoppo,
Che rombo tra l’urlo dei cani!

Prenderemo i cavalli che a frotte
Corron nitrendo le tanche,
Gli figgerem nel collo le branche,
Li avventeremo contro la notte.

Versatemi il vin di Marreri
Che mi apre le vene del cuore.
O donna, apparecchia i taglieri,
E poi… Hutalabi! col corridore.

Ho un sogno nell’anima torva,
O uccellin mio di primavera!
Vo’ traversar la Costera,
Vo’ entrar nell’aspra Bonorva.

Là nella chiesa, sul coro,
Vi è una santa d’oro, vi è!
Voglio portarti quella Santa d’oro:
Ruberò la Madonna per te!

E' un canto in esaltazione della vita e si chiama appunto ditirambo in rimembranza degli antichi componimenti bacchici. Si sente nelle varie strofe un fremito di libertà e di gioia che trova nel richiamo d'amore un motivo popolare di indubbia efficacia e lo riveste di note nuove ed eleganti nella loro semplicità.

Leggi Le Poesie di Sebastiano Satta

Potrebbero interessarti