Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Salvatore Quasimodo
Un'anfora di rame

Le spine dei fichidindia
sulla siepe, il tuo corpetto strappato
appena azzurro e nuovo, un dolore
al centro del cuore scavato,
forse a Lentini vicino la palude
di Iacopo notaio d'anguille
e d'amori. Che cosa racconta
la terra, il fischio dei merli
nascosti nel meriggio affamato
di frutta dura di semi
viola e ocra. I tuoi capelli
sulle orecchie in tempesta
che non si svegliano ora, capelli
d'acquarello, di colore perduto.
Un'anfora di rame su una porta
luccica di gocce d'acqua
e fili rossi d'erba.

La terra impareggiabile
1955-1958

Leggi le Poesie di Salvatore Quasimodo




TAGS: