Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 Poesie di Salvatore Quasimodo
Epitaffio per Bice Donetti

Con gli occhi alla pioggia e agli elfi della
notte, è là, nel campo quindici a Musocco,
la donna emiliana da me amata nel
tempo triste della giovinezza.
Da poco fu giocata dalla morte
mentre guardava quieta il vento dell'autunno
scrollare i rami dei platani e le foglie
dalla grigia casa di periferia.
Il suo volto è ancora vivo di sorpresa,
come fu certo nell'infanzia, fulminato
per il mangiatore di fuoco alto sul carro.
O tu che passi, spinto da altri morti,
davanti alla fossa undici sessanta,
fermati un minuto a salutare quella
che non si dolse mai dell'uomo che
qui rimane, odiato, coi suoi versi,
uno come tanti, operaio di sogni.