Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-salvatore-fittipaldi/poesia-di-salvatore-fittipaldi-una-minima-ragione.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktc2FsdmF0b3JlLWZpdHRpcGFsZGkvcG9lc2lhLWRpLXNhbHZhdG9yZS1maXR0aXBhbGRpLXVuYS1taW5pbWEtcmFnaW9uZS5odG1s
    it-IT

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
     

    Poesia di Salvatore Fittipaldi
    Una minima ragione

    vorremmo una benchè minima ragione (per credere in ciò
    che non crediamo più) :
    guardiamolo bene (il sangue
    non è acqua e non esce dalla fontana della piazza) lo schifo
    che fa il punto che osserviamo ( lo vediamo e non ce ne
    curiamo):
    domandiamoci perchè non ragioniamo più ( ci contentiamo
    delle apparenze, dei fantasmi, delle luci artificiali):
    ragionevolezza, dove si trova il tuo posto segregato!
    esisterà da qualche parte un angolo di terra (benchè
    arida e secca) dove coltivare il sangue buono, piantare
    buone convinzioni e (fra l'erba) far crescere il ragionamento
    quotidiano:
    a quest'ora(di sera) ancora cantano le rondini: ci chiedono
    di ragionare (con ragionevolezza) perchè le bocche tacciono
    e non si mozzicano la punta della lingua, non rendono
    idonee le parole per accogliere l'arrivo della notte:

     

     

    Commenti

    Potrebbero interessarti