Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Salvatore Di Giacomo
Pianefforte 'e notte

 

Pianefforte 'e notte
Nu pianefforte 'e notte
sona luntanamente,
e 'a museca se sente
pe ll'aria suspirà.

È ll'una: dorme 'o vico
ncopp'a sta nonna nonna:
'e nu mutivo antico
'e tanto tiempo fa.

Dio, quanta stelle ncielo!
Che luna!  E c'aria doce!
Quanto na bella voce
vurria sentì cantà!

Ma sulitario e lento
more 'o mutivo antico;
se fa cchiù cupo 'o vico
dint' a ll'oscurità...

Ll'anema mia sultanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

Il poeta sente nella notte il suono di un piaanoforte, che intona un motivo di vecchia canzone e che gli sommuove dall'anima il desiderio di un canto che dia voce al suono remoto dello strumento. Ma ahimè il pianoforte si spegne e il cuore del poeta rimane come sospeso a cogliere le ultime vibrazioni del suono, in un incanto trasognato di nostalgia.