Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Salvatore Di Giacomo
Oilì, Oilà 

Carmè, quanno te veco
mme sbatte ‘o core!
dimmelo tu ch’è chesto
si nun è ammore?
Chest’è ammore,
oilì, oilà!
E dincello a mamma toja,
si te vo fa mmaretà.

Coro:
Carmè, dincello,
nu bello maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, — e lariulà!...
‘A verità ce vo’ na cumpagnia!

Comm’acqua a la funtana
ca nun se secca,
l’ammore è na catena
ca nun se spezza.
Nun se spezza,
oilì, oilà!
Si se spezza... buonasera,
nun se po’ cchiù ncatenà!

Coro.’
Carmè, Tu ‘o ssiente?
nu bello maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, — e lariulà!...
‘A verità ce vo’ na cumpagnia!

Stu core aggio perduto
mmiezo a na via!
Tu certo l’aje truvato!
bellezza mia!
L’aje truvato, 
oilì, oilà!
l’aje truvato e l’annascunne,
ma vengh’io pe m’ ‘o piglià!

Coro di donne:
Carmè, dancillo,
nu bello maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, — e lariulà!...
‘A verità ce vo' na cumpagnia!


1885
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P. M. Costa