Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Salvatore Di Giacomo
Mierolo affurtunato 

A ll'acqua chiara e fresca,
a ll'acqua 'e tre funtane
mme so' lavate 'e mmane...
E mme ll'aggio asciuttate
'e n'albero a li ffronne
addó' canta nu miérolo cianciuso
e s'annasconne...

Ritornello
Miérolo affurtunato,
viato a chi la sente!...
'Sta voce, alleramente,
sceta 'o silenzio attuorno...
e trèmmano sti ffrónne
addó' canta ll'auciello apprettatore
e s'annasconne!

Pur'io cantavo: io pure,
cuntenta e affurtunata,
tutta 'a santa jurnata...
St'uocchie! Ah, quante só' belle!
E chesti ttrezze jónne!
mme dicett'uno. - E sta' faccia ca ride
e s'annasconne! 

Ritornello
Miérolo affurtunato....
viato a chi la sente
ecc, ecc.

Mo chiagnono cu' mmico
l'arbere, ll'erba, 'e ffrónne...
e ll'eco mme risponne...
Cchiù 'sta faccia nun ride,
ma 'e lacreme se 'nfonne:
dint'a sti mmane meje, rossa se nzèrra
e s'annasconne!...

Ritornello
Miérolo affurtunato....
viato a chi la sente
ecc, ecc.

1931
Versi di Salvatore Di Giacomo - Musica di E. A. Mario

Leggi le Poesie di Salvatore Di Giacomo