Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Poesie di Salvatore Di Giacomo
Poesia  di Salvatore Di Giacomo

Marzo

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua
torna a chiòvere, schiove;
ride 'o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’’o vierno 'e tempeste,
mo n’aria 'e Primmavera.

N’auciello freddigliuso
aspetta ch’esce 'o sole,
ncopp’ 'o tterreno nfuso
suspieano ‘e vviole.

Catarì!…Che vuo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio,
Marzo, tu 'o ssaie, si’ tu,
e st’auciello song'io.

In questa poesia sono i versi più perfetti di Salvatore di Giacomo: la mutevolezza del cielo, a marzo è colta ed espressa con una malinconia soavissima, e i colori dell'inverno morente, e soprattutto, quelli che appaiono e dispaiono come presagio della primavera novella, sono disegnati con una misura e con una intensità da grandissimo poeta.

Potrebbero interessarti