Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Salvatore Di Giacomo
Lariulà

Frutto ‘e granato mio, frutto ‘e granato,
quanto t’aggio stimato a tiempo antico!
Tienete ‘o muccaturo arricamato,
tutta sta rrobba mia t’ ‘a benedico...

Quanto si’ bello e quanto si’ curtese!
Io t’era indifferente e mo se vede;
tecchete ‘o muccaturo ‘e seta ingrese,
fussero accise ll’uommene e chi ‘e ccrede!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L’ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!

E quanno è chesto, siente che te dico:
io faccio ‘ammore cu na farenara;
tene nu magazzino, ‘int’ a stu vico,
ll’uocchie che tene so’ na cosa rara!

E quanno è chesto, i’ pure faccio ‘ammore,
e a n’ato ninno mo tengo ‘o penziere;
s’ereno date a ffuoco anema e core;
mme so’ raccumannata a nu pumpiere...
ah, lariulà!
L'ammore s’è scetato,
guarda... e ride, oi’ lariulà!

- Ah, vocca rossa comme a nu granato!
Chi‘o ssape ‘o tiempo antico si è fernuto?...
Chello ch'è certo è ch’io sto ntussecato,
e o sapore d'o pane aggiu perduto!...

Si’ stato sempe bello e ntussecuso,
e pure, siente, vide che te dico,
nun me mporta ca si’ furiuso,
voglio campà cu te, muri cu ttico!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L'ammore s’è addurmuto
nun'o pozzo cchiù scetà!


1888
Versi di Salvatore Di Giacomo - Musica di P. M. Costa

Potrebbero interessarti