Poesie di Salvatore Di Giacomo
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

'E spingule frangese 
di Salvatore Di Giacomo

Nu juorno mme ne iette da la casa
ienno vennenno spingole frangese
mme chiamma na figliola: Trase trase
Quanta ‘spingule daie pe nu turnése?
E io che songo nu poco veziuso
subbeto me mmuccàie dint’a a sta casa..
«Ah chi vò’ belli spingule frangése!
Ah chi vò’ belli spingule ah chi vò’?»
Dich'io si tu mme daie tre o quatto vase
te dongo tutte 'e spingule frangese
Pizzeche e vase nun fanno pertose
e può ienghere ‘e spingule ‘o paese
Sentite a me, ca pure ‘mparaviso
‘e vase vanno a cinco ‘nu turnese
«Ah chi vò’ belli spingule frangese!
Ah chi vò’ belli spingule ah chi vò’?»
Dicette Core mio chist’è ‘o paese
ca si te prore ‘o naso muore acciso!
E io rispunnette: Agge pacienzia, scusa
‘a tengo ‘a ‘nnammurata et sta’ o paése.
E tene ‘a faccia comme ‘e ffronne ‘e rosa,
e tene ‘a vocca comme ‘a na cerasa!
«Ah chi vò’ belli spingule frangese
Ah chi vò’ bell’ispingule ah chi vò’?»

TRADUZIONE. «Gli spilli di sicurezza». Un giorno me ne andai da casa, mi misi a vendere spilli di sicurezza. Mi chiama una ragazza: «Entra! entra! Quanti spilli dài per un tornese [= mezzo soldo]?».  E io che sono un po' donnaiolo, subito mi ficcai in questa casa ... «Oh, chi vuole belli spilli» ecc. Dico io: «Se mi dài tre o quattro baci, ti do tutti gli spilli di sicurezza. Pizzicotti e baci non lasciano il segno [proverbio napoletano], I e puoi riempire di spilli il paese». Datemi retta, anche in paradiso i baci vanno a cinque il tornese. «Oh, chi» ecc. 
Disse: «Cuore mio, questo è il paese che, se ti viene prurito, muori ammazzato». E io risposi: «Abbi pazienza, scusa.
L'innamorata l'ho e
sta al paese; e ha il volto come di petali di rosa, e ha la bocca come una ciliegia». « Oh, chi» ecc.

'E spingule frangese canzone napoletana scritta da Salvatore Di Giacomo per la festa di Piedigrotta (8 settembre) e musicata da Enrico De Leva; fu inclusa nel volume di Canzoni napoletane (1895). In una nota l'Autore definisce la poesia «imitazione di un canto popolare dell'Italia meridionale»: egli allude a uno dei Canti popolari delle province meridionali raccolti da Antonio Casetti e Vittorio Imbriani, (1872).


Massimo Ranieri canta 'E spingule frangese 

Potrebbero interessarti