Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sonetti in vernacolo pisano 
di Renato Fucini - Neri Tanfucio

Cento sonetti in vernacolo pisano 
di Renato Fucini - Neri Tanfucio

La tentazione

Silvio. Chi legge e' tu' sonetti se ne vanta.
Neri, fàlli stampa', dàlli ar Baccelli: 
Credi, a sentilli di', propio si stianta:
Fanno vieni' 'r convurso 'n de' budelli.

Neri. Che ti piaccian' a te ?
Silvio. Madonna Santa !
L'artra sera li dissan dar Maestrelli, 
Credevo di scoppia' : s' era 'varanta; 
S' andò tutti attravelso alli sgabelli.

Ti devi figura' che un disgraziato,
Per ave' detto: sanno di poino, 
Lo feciano anda' via mezzo stroncato.

'Gnamo,  fàlli stampa', fàlli, Nerino.
Che t'impolta se c' è quarche sagrato ?
Nun lo stamponno 'r Tasso?... o 'r Satulnino?

Firenze, 1871.

La decisione

Neri. Ieri sera, 'n der  tempo che cenavo,
Sirvio  m'arragionò de mi' sonetti.
Mi disse 'n che maniera 'un li stampavo...
Ch'eran galbati  tanto a chi l'ha letti...

Fortunato. Dunque li stampi?
Neri. Facirmente.
Fortunato. Bravo!
Neri. Ma li studenti che dirranno?
Fortunato. Ah! smetti
Anzi fai bene a 'un ti mostrare stiavo 
Di 'vesti fardonacci maladetti.

Neri. Già! si discorre bene... o 'r Delegato?
Fortunato. Mi fai ride'... ma lui se ne strafotte:
Basta poltanni un fiasco di moscato,

È capace adorà Giuda Scariotte.
Neri. Ma che dici 'n sur  serio, Foltunato?
Fortunato. Sfido!...
Neri. Allora li stampo, e bona notte.

Firenze, 1871

Er Telegrafo

Alceste. De' lampi poi, nun li dar retta, Neri.
Lassàmo anda' che l'hai bevuta grossa:
Che lo vòi dire a me, se c'ero ieri?
Andai da quello 'olla balba  rossa.

Neri. O 'r Telegrafo c'era quando c'eri?
Alceste. Der caraccio!  mi diede anco 'na scossa:
Mi fèciano agguanta' du fili neri,
E mi sentii diniccolare l'ossa.

Neri. O che c'è fili?
Alceste. E quanti matassini!
E poi l'aggancian tutti a 'n oriolo,
E lui sputa lo scritto 'n su' nastrini.

Neri. E l'orioli sputano?... A bugliolo! 
Poi 'ogliona', siei pieno di 'vaini; 
Ma io la moglie 'un l'ho ma' data a nolo.
Firenze, 1870

La Repùbbria

Frediano. La Repùbbria ? eh to! Verrà siuro. 
È tanto, Dio Madonna, che s' ingolla!
Ma quando viene, a deh!  môlte ar pan duro!
Vo' sputa' perensino la midolla.

Così nun pol' anda', te l'assiuro: 
Chi lavora, lo vedi ? 'un si satolla;
E 'r mi padrone, pezzo di figuro,
Sgranocchia sempre toldi e pasta frolla

Chi rubba 'n oriolo va 'n prigione;
Chi dà 'na stillettata è 'n assassino:
Domando e dio  se nun ho ragione!

Neri, ci stai, nun si fa più 'r facchino?
Neri. O che s'ha a fa'?
Frediano. Si rubba un bèr fardone, 
E si scappa a godessi a San Marino!

Firenze, 1870

Er Gasse 

Neri. Te, che se' stato a visitare 'r gasse,
Me lo racconti 'ome  fanno a fallo ?
Pilade. O pelchè no ?... C'è 'n terra tante 'asse, 
Ripiene d' un motriglio giallo giallo.

Poi c' è dell'acqua 'n celte stanze basse;
C' ène de' tubi di ferro metallo,
C' è de' folnelli, c' è 'r calbone a masse...
C' è tante rote, e 'un c' è neanch' un cavallo!

Tu vedessi che puzzo di bitume !
E quand'è fatto va drent'un condotto,
E piglia foo.  Bimbo mio, che lume !

E poi ti basti di' che doppo l'otto...
Neri. Già te la sera bevi troppo rume ! 
E quest' è 'r gasse ? Annacqualo, fagotto! 
Firenze, 1870.


La prima lezione di Velocipite

Achille. Dunque vado?
Artemisio. Vai. Vai. "(tra, tra, tra, tra)" 
Bravo, bravo, perdio, 'mprumetti bene!
Coraggio, avanti... "burutum...pa...ta..." 
Ti se' fatto der male?
Achille. Un po' alle stiene. 

Artemisio. Dunque daccapo; su; mettiti 'va; 
Ma vai piano, se no Cristo ti tiene.
Bravo! seguita. via... più sverto...  eh là!
Con un po' di 'oraggio ci si viene.

Ora ti lasso anda'; occhio alla penna!
Ma tienti sodo, agguantati ar timone,
Se no no 'r macchinismo ti tentenna.

Su, fai vede' che alla prima lezione...
Bada all'ormo...  adagino, ti s'impenna.
"Pu tu pum" Lo dicevo? Che pattone! 

Firenze, 1870.


Un vero amio

Angiolo. O pelchè nun lavori, bighellone?
Nun ti velgogni (e si se' grande e grosso!)
A struscia' 'n su' muriccioli 'r groppone,
Tutt' arruffato, 'nsenza  panni addosso?

O gualda un po' tu' pa'... cor su' zappone
A grufola' la terra  a più nun posso...
Pover' omo! 'un ti move a compassione,
Stracco, finito, secco 'om' un osso ?

Ma nun ti senti fa' drento uno stianto
Quando ti butti a tavola a mangiare
Quer  pane che a tu' pa' 'ni gosta  tanto ?

Piglia una zappa, e fallo riposare.
Se tu sapessi quante vòrte ha pianto
Ner pensa'... dove scappi?...
Emilio. A lavorare.

Firenze, 1870.


Er Conciglio Eumenio 

Chi capisce "varcosa  'n questo mondo
Dev' essere 'n grand' omo addottorato:
Io poi, più che mi scampo e mi 'onfondo,
E più batto 'n dell' ugne ar Delegato.

Te nun lo 'rederesti, Sigismondo ;
Ma 'r Papa còr Conciglio s'è 'ndettato 
(E abbada ènno du' ganci e vanno 'n fondo!)
Di spoglia' le madonne dello Stato.

Dicàmo: nun sarà; saranno 'nganni :
Ma se toccan le lampane 'ndorate
Vo' ritolnà  'n galera artri vent' anni.

Papa o nun Papa, è son gran bilbonate  !
So che quando spogliai quer San Giovanni
Mi stiaffonno  se' mesi alle 'nferriate.

Firenze, 1870.


L' arresto della banda di Cècina 

Maso. O dunque su, racconta 'om' andiede 
Quand'eri 'n cento e v'agguantorno 'n sette.
Neri. S'era 'n dun bosco; a un tratto ci si vede
Luccia'  tolno tolno  le bainette.

Te lo figuri te ? Noi nun si stiede
A di'; s' agguantò polli e le fiaschette.
E via. Come s' andava 'un lo poi 'rede'!
Io dio : nun c' è pel nulla le saette.

Ma co' 'avalli Cristo ce la pole!
Mi sento arrivà 'n picchio 'n della testa,
E giù ! disteso 'nsenza fà parole.

Se nun arrivan li tant' alla lesta,
Ci avevan l'osso, 'om' è vero 'r Sole ;
Ma nun ostante dissi: Si prutesta !

Firenze, 1870.

La franatura der ponte di legno sull'Alno 

Torquato. Come! è franato 'r ponte? 'un mi 'oglioni !
O com' è ita ?
Astianatte. Che lo so, Tolquato ?
Er  Municipio dice che sii stato
'R libeccio.
Torquato. E te da' retta a que' vorponi ?

Astianatte. Io si ! d' artronde c' è le su' ragioni :
Quando 'r libeccio tira 'ndemoniato,
Fol di polta , lo sai, te ci se' nato,
Di tanto 'n quando spenge anco'lampioni!

Torquato. Guà! pol'essè ...nun dio! ... Se'stato a cena ?
Astianatte. Sòlto  'n questo mumento da Nerino :
Ci ha un vino, bimbo mio, di velso Siena...

Torquato. Allora fai 'na 'osa, vai pianino,
Pelchè 'r libeccio, è vero, tira appena,
Ma ti potrebbe fotte'  'n terra 'r vino.

Firenze, 1870

La tassa 'n su' 'ani 

Oggi 'r Culsore m' ha poltat'  un foglio,
Ma se ci ho 'ntes' un' acca, sarmisia !
E sai, nun selve  mia  di' : nun lo voglio ?
Te lo stiaffan sur banco, e vanno via.

Ma io, pel nun cascare in quarche 'mbroglio,
Son còlso  a fallo legge' a 'na mi' amia ;
Ma anco lei m' ha 'nciampato 'n duno scoglio,
E 'un m' ha saputo di' cosa ci dia .

Mi gualdi 'n po' po' te, mi fai 'r piacere ?
Che voglian questi figli di trusiane ?
E la tassa 'n su' 'ani ? o sta' a vedere !

Nove di vino.... due fra cacio e pane ...
Questi, sol Frisco , li volèmo bere...
Cor foglio mi ci netto, e affogo 'r cane.

Firenze, 1870

San Ranieri miraoloso 

Levato quer viziaccio di rubbare,
San Ranieri è un gran santo di 've  boni.
Quando dianzi l' ho visto 'n sull' artare,
Lo redi ? m' è vienuto e' luccioni .

Delle grazie ne fa, lassàmo andare.
Gualda  'n po' 'vanti 'ori ciondoloni
Ci ha 'n della nicchia ! e sai, nun dubitare,
Se glieli dànno c' è,le su' ragioni.

Più della piena d'anno che spavento !
Che spicinìo, Madonna ! t' arrammenti?
pareva d' anda' sotto unni  mumento.

Ma San Ranieri 'un fece 'omprimenti:
Agguantò per er petto 'r Sagramento,
E li disse: O la smetti o sputi 'denti.

Firenze, 1870

La baàna 

Neri. Questa, sol  Delegato, è da tiranni
Di nun facci 'anta'  più la Baàna !
Creda, a canta' Rosina nun m' inganni,
E sfogata a quer Dio ; ci si straàna .

O ce la lassi fa', via, sol Giovanni ;
La su' prutesta, s' assiuri, è strana.
Che vole ! s' è cantata per tant' anni....
La sanno 'n guasi tutta la Toscana.

Eppoi.... se lei ci dà 'n po' di vin bono,
Li si viene a canta' sotto 'r palazzo.
Stia a senti', li si gonfia 'n questo tono.

La rivoi ....
Delegato. Giovanotto... ehi ! siete pazzo ?
Neri. Che ho stonato?...ha ragione, oggi 'un ci sono ;
Ma abbadi, 'nsensa 'olda 'un vale un c....o.

Firenze, 1870

Er Parlamento

Sono stato a Firenze ar Parlamento
Pel senti' ragiona' quell' arruffoni :
Nun fann' artro che ride' unni  mumento.
Che robba, bimbo mio, be' mi' lattoni!

E di' che son armèno  'n cinquecento
A mangiare alla balba de' 'oglioni!
Vedi, mi sento 'r sangue bolli' drento....
Di già sèmo ragazzi tròppo boni.

Se' ma' stat' a vede' lo Stentarello,
Quando ridan' e fanno 'r buggerio?
Ti devi figura' che appett' a quello,

Pal  d' esse' 'n chiesa, quant' è vero Dio!
Ma quer ch' è giusto è giusto: quer boldello
Lo fanno tutto pell' Italia !... Addio !

Firenze, 1870


Consigli a uno sposo in elba 

Anacleto. Se agguanti moglie, stiàffatelo  'n mente :
Se ti preme assarva'  testa e groppone,
Celca di bazzia' con poa gente,
E 'un te li strascia' 'n convelsazione.

Io, levato 'r mi' amìo Sottotenente,
Nerino, Palledoro e Sparagione,
Che fanno la paltita, ma di niente,
La sera 'un piglio 'n casa artre pelsone.

Neri. O com' andò quer giolno der Priore
Colla tu' moglie 'n cambera serrato?
Ch' era vienuto a di' le 'varantore ?

Anacleto. Vinse a scacciare e' bai a Foltunato.
Lui ci ha proprio 'r segreto agguantatore :
Lo fa sempre vieni' fora di stato.

Firenze, 1870


Er gioo der ponte.

Quelli eran tempi ! quello era valore !
Guà, nun ci scatta  nulla dar presente !
Quelli, davvero, avevan' un bèr core,
E la mòlte per loro 'un era niente.

Oggi tutti si vantano l' onore ;
Ma se fai con quarcuno  'r preputente,
Prima di farsi entra' 'r sangue 'n bollore,
Vor vede'  raduna' dimorta gente.

Ma e' posteri  nun eran vigliacconi,
Quando aimati di talghe e di cimieri
Sonavan la grancassa 'n su' gropponi.

Pisa è proprio la 'ova  de' guerrieri !....
Boni 'n sur serio 'vesti  maccheroni!
Me ne dai 'n antro piatto, 'amberieri ?

Firenze,1870

La luminara

Viaggi 'n dell' 'Uropa 'un n' ho ma' fatti :
Prima pelchè a quaini  sèmo bassi,
E po' pelch' e' Pisani 'un c' enn' adatti
Per anda' per er mondo a strapazzassi.

Ma un mi' amio di Lucca che fa' gatti
(Li fa cor gesso, creda, da sbagliassi),
Lui, vorsi di', ch' è stato fra' Mulatti,
Che ha visitato anch' e' Paesi Bassi,

M' ha detto che neppure 'n der Peino 
Luminare di Pisa 'un se ne vede :
Nun n' hann' idea laggiù der lampanino .

Chi nun l' ha vista, 'reda, 'un lo por crede';
Eppoi, 'ni basti di' che ar mi' 'ugino,
Dalla gran carca  'ni stroppionn' un piede.

Firenze, 1870

La Tombola

Pirro. Neri, pel quanti stai ?
Neri. Pel tre; sta' zitto.
Banditore. "Cinquantaa" .
Neri. Eccone 'n artro ; sto pel dua.
Pirro. Che potesse stianta' chi ti tien ritto!
Già te, devi esse' nato da 'na ciua .

Neri. Nati di 'ani , 'un tiran punto fitto!
Pirro. O chètati, 'un se' mia  'n casa tua !
Neri. Senti 'n po' po' ! nun averò 'r diritto...?
Cos' ha detto ? trentuno o trentadua ?

Pirro. Ha detto trenta.
Neri. Sto per uno.
Pirro. 'Gnamo !
Neri. Agguantami, se no batto 'na patta.
Se tira 'r ventitre, fora mi 'iamo  !

Pirro. Nune sputa', t' allento la 'ravatta.
Banditore. " Venti "
Neri. Me l'ha strozzata! 'Un c'imbrogliamo...
Doppo m' allenterò
Banditore. " Ventitree..."
Neri. Fattaaa....

Firenze, 1870.

La molte der Conte 'Golino 

Quella d' ammazza' lui, lassàmo stare,
Nun dirrò nulla, era 'n vigliacco 'nfame !
Ma' su' nipoti, sangue dell' artare ,
Nun li dovevan fa' mori' di fame.

Anco con lui potevan' ammollare .
Dovevan dinni: "Voi siete un tegame :
Levativi di 'vi , potete andare..."
E stiaffallo  'n esiglio dar reame.

Ma una strage 'osi, nun c' è memoria !
Che si 'ogliona ! un povero gristiano,
Per avenne buscate alla Meloria,

Giustiziall' a quer modo ! Ma Pelsano
Nun fece guasi la listessa storia ?
Eppure è sempre vivo quer gabbiano .

Firenze, 1870

Firenze e lo strapolto della 'apitale.

Gianni. Firenze, bimbo mio, nun c'è quistione,
Se li levan di li la 'apitale,
Nun te lo vorre' di', batte 'n pattone
Da stiaffalla 'n dun fondo di spedale.

Ma 'r Municipio, se nun è 'n bestione,
Deve fare al Govelno un memuriale,
E dilli:"Ho speso cento allo Stradone".
Per esempio, "cinquanta a quer Piazzale,

Venti a' Lungalni, trenta 'n der Melcato ".
Tanto da rivoganni  un conto grosso,
E poi fallo cita'dar Delegato.

Lorenzo. O se 'un pagassi ?
Gianni. 'Ni si sarta addosso,
E a folza di golini, Dio sagrato...
Vòi Roma? 'un ci si va se 'un posi l'osso!

Firenze, 1870