Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

panorama
Poesia di Raissa Maritain
Lode della sposa 

Il  tuo viso è così dolce nelle mie mani è fresco delicato e fragile
Caro viso sensibile si turba, freme come l'erba dei prati.
La tua voce o diletta è la primavera che canta, l'amore profondo
che entra dolcemente
È un balsamo che si diffonde, l'incenso che sale.
TI tuo cuore è un' ostia offerta al regno del Bene essenziale
TI tabernacolo ardente delle mie beatitudini, un lago di
freschezza nel deserto.
È un astro di fuoco e di fiamme, nel cielo leggero della tua carne
È un canto di sospiri e di lacrime, un frutteto, un giardino puro
e lucente.
TI tuo spirito - ai piedi della Sapienza ogni giorno impara 
umilmente 
Ne conosce i giuochi, gli abissi, il sapore di vigna e di frumento. 
Non dire che l'amore è cieco, ha gli occhi dell'Eterno 
N on temere il suo sguardo creatore, la giovinezza dell' aquila 
torna a vivere nel cielo. 
TI Dio dei cuori - cancella degli anni la polvere e le tracce del 
tempo 
E ti porta senza rughe e senza macchia, dall'amore all'Amore 
senza tramonto. 

Louange de l'épouse
Ton visage est si doux dans mes mains il est frais délicat et fragile
Cher visage sensible il s'émeut, il frémit comme l'herbe des prés.
Ta voix 6 bien-aimée est le printemps qui cbante, le grave amour
qui entre doucement
Elle est un baume qui se répand, Iencens qui monte.
Ton cceur est une hostie offerte à l'empire du Bien essentiel
Le tabernacle ardent de mes béatitudes, un lac de frdicheur au
désert.
C'est un astre de feu et de flammes, dans le cielléger de ta chair
C'est un chant de soupirs et de larmes, un verger un jardin pur et
clair.
Ton esprit - aux pieds de la Sagesse
sinstruit chaque jour humblement
Il en connaù les jeux, les abimes, le gout de vigne et de froment.
Ne dis pas que l'amour est aveugle il a les yeux de l'Éternel
Ne crains pas son regard créateur, la jeunesse de l'aigle revit dans le
cielo
Le Dieu des cceurs - efface des années
la poussière et les traces du temps
Et te porte sans ride et sans tacbe, de l'amour à l'Amour sans déclin.

Lode della sposa: scritta a Meudon, probabilmente tra il 1926 e il 1934. 

Traduzione di Anna Bettini

Leggi le Poesie di Raissa Maritain