Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Raissa Maritain
La croce del sud

Noi veniamo da ere lontane
Senza fine è il nostro andare
È l'oceano senza rive
Che ci porta in tuo Potere

Chi da Poco s'è diviso
Dalle case e dai Paesi
Dagli scali della terra
Dai giardini di Parigi

Il rollare e I'ondeggiare
Ci vengono cullando
Veniamo da ere lontane
E non contiamo più il tempo

Alla prua di questa nave
La croce alta di trinchetto
Al di sopra delle follie
Porta I'umile fiamma umana

Di fronte al cielo e alle stelle
I cuori distesi Per vele
Nel vento lamenti e Pene
Noi andiamo senza fine

L'alta e netta alberatura
Annuncia il nostro Passaggio
A invisibili figure
Oscillando nel1'ormeggio

La luna nelle sue nebbie
S'alvolge ad ogni istante
È I'o..u.ro senza rive
Che sopporta il nostro tormento

Ci culliamo sulle onde
Di tristezze senza sonno
D'amori che si perdono
Dovunque per il mondo

Vorticoso è il nostro andare
Città e porti annullati
Questa nave è l'ar,rrentura
Che ci porta in tuo potere

La croce del sud: scritta a Meudon fra il 1934e  1939 La Croce del Sud è una costellazione australe che ha le quattro stelle più luminose a forma di croce.
Il viaggio qui simboleggia la vita. Come ha osservato B. Tíbileti, Raissa tenta davvero di imbarcarci con lei, noi tutti, noi tutti. Tenta lei che sa, di indicarci in queste immagini della realtà la realtà senza immagini che nella contemplazione mistica l'anima sua ha raggiunto.

Traduzione di Anna Bettini

Leggi le Poesie di Raissa Maritain

Commenti

Potrebbero interessarti