Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Pietro Mastri
Parlano i Pini storti

Brezzolina marina...
E che cielo! E che mare!...
Strano! ...Ma che ci va dunque
cantando
quella cincia di giro
venuta stamattina
e che si fa chiamare «signorina»?..
Ci ha detto, e con che tono!
quasi che avesse viaggiato il mondo
in lungo, in largo e in tondo,
che altrove i pini...
essi, pensate, i nostri
fratelli... sono diritti
come tante colonne.
A chi vuol darla a credere...
Dev'essere una delle tante favole
di paesi lontani,
che gli uccelli di passo
narrano a questi uccelli paesani
quando migrano a frotte
coi primi freddi, e sul far della notte
albergano sui nostri alberi in basso
e avanti l'alba riprendono la via;
al lume della luna;
noi, quanti siamo qui,
siamo tutti così.
Il che però non vieta
che a stagione buona...
venga la Signorina per marito
fra queste nostre foglie,
certo, son foglie d'arida pineta,
e intrecci e appenda ai nostri rami storti,
ma odorosi e forti,
il nido canterino.