Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia  di Anonimo romano del Quattrocento
Resurrezione

Cristo
O Madre, io sono il tuo figliol verace
qual partoristi; prendi ormai conforto;
a te dono la mia santa pace,
son già resuscitato ch'ero morto;
levati ormai li neri vestimenti,
poni silenzio, Madre, ai tuoi lamenti.
Madonna (con allegrezza risponde)
Figlio, sei proprio tu che m 'hai parlato?
Certo ch'adesso han fine i miei tormenti.
Figliuolo ormai il mio cor s'è rallegrato,
gettar voglio gli oscuri vestimenti.
Figliuolo, abbraccia la tua madre cara
che in gaudio è volta la sua pena amara.

Commenti

Potrebbero interessarti