Login

Pin It

Natale
Poesia di Natale
di Benito Sablone
Notte di Natale, 1922

Non voglio dispiacerti
né voglio dispiacere
alla mia scrittura
che non contempla lacrime
Sei trasparente
lontano dagli ardori
ogni giorno un muro
assottiglia l'orizzonte
dentro la vita
che affonda
insieme ai tuoi discorsi
Sorridi
perché non so che dirti
mentre ti allontani
sopra una barca senza remi
Avevi suggerito il silenzio
alle domande
e ancora sei fedele
a questa convinzione
chiedere a chi? perché?
la distanza è così breve ormai
così lieve che la mano
quasi l'avverte nella stanza.

Poesie di Natale, Poesie di Capodanno, Poesie della Befana, Storia dei Re Magi, Epifania, Befana
Pin It

Commenti