Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Poesie di Natale poesie reportonline
Poesia di Natale

di Gilberto Paraschiva

Le lacrime del bambinello!
Sotto l'alberello avrei voluto fare
un bel presepio per ricordare
la nascita del Bambinello:
sarebbe stato molto bello!
Ma sono triste: è partita la mia compagna,
mi ha lasciato solo, solo con la mia cagna!
Riposi il bambinello nella mangiatoia
e dissi: Senza Te sarà un Natale di noia,
tristezza, dolore e pianto
e, quasi come per incanto,
vidi il Bambinello lacrimare,
assaporai le Sue lacrime: erano lacrime amare!
Duemila anni sono passati
da quando Lui nacque in una grotta,
mai più pensando di trovar gente corrotta
che, per denaro o per migliorar la situazione
potesse rendere infelici milioni di persone.
Tuo Padre sperava che facendoti venire al mondo,
tramite Te,
avrebbe portato pace, amore e fratellanza
ma in questo mondo sappi che non c'è creanza!
L'uomo non teme più la legge di Dio
per cui è tempo perso Bambinello mio!
Dovresti tornar, forse,  in carne ed ossa
perché il mondo subisca una vera scossa
e tutti possano posarsi una mano sulla coscienza
finendola coi vizi, crimini, e delinquenza!
Quando tutto questo si sarà realizzato
io, da quel dì, me ne sarò andato.
Ma, prima di andarmene, dico al lettore: "Fratello,
ricorda, ogni tanto, le lacrime del Bambinello!"

Commenti

Potrebbero interessarti