Login

Pin It



Presepe_con_pastori_2
Poesie di Natale
di AngioloSilvio Novaro
Notte santa

Il sole acceso calava
dietro i monti di Giuda;
lungo la valle nuda
il vento mugolava,

ma sul colle alto Betlemme
radiava come gemme.
Stanchi, senza parole
montavate! Sparve il sole
nel silenzio, e mentre annotta
non albergo, una grotta
trovaste e tu, Maria,
dicesti: - Cosi sia!
Sulla rozza paglia stavi,
sonno ti prese... Sognavi
che ti nasceva Gesù...
Angosciata ti svegli, e ai tuoi piedi,
in un mare di luce, lo vedi;
così fu.
Come uccelletto in nido
la sua boccuccia apriva
piccoletta quasi oliva;
punto freddo non sentiva;
i piedini e le manine sue
li scaldavan l'asinello e il bue.
Giuseppe, in rapimento,
muto, le braccia in croce,
chino sul petto il mento,
adorava. Ma tu che voce,
che grido, o Maria, mettesti
quando aprì gli occhi celesti!


Proverbi di Natale. Chi non digiuna la vigilia di Natale corpo di lupo e anima di cane.

Pin It

Commenti