Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

mese mariano2
Il mese Mariano

Il mese di maggio è dedicato alla Madonna.

Quasi a celebrare la sua grazia divina, ovunque, fioriscono le rose. Traboccano roselline di macchia dalle siepi di campagna; ornano terrazzi e balconi;
ingentiliscono porte e finestre; dappertutto mettono una nota soave esalarido al cielo mille profumi.
Le chiese ne sono piene: le più ricche come le più povere, - e così pure i crocifissi che vigilano i verdi pascoli alpini e gli ingenui tabernacoli che agli incroci delle vie di campagna esortano il viandante alla preghiera.
Al crepuscolo le strade si animano improvvisamente: i bambini lasciano i loro giochi, le donne le loro faccende, i fanciulli e le fanciulle i libri, e in fretta si dirigono alla chiesa più vicina. Per tutto il mese, ogni sera, vengono celebrate funzioni particolari in onore della Vergine e nulla vi è di più soave di quegli altari fioriti di rose da cui pare si
diffonda una mistica fragranza, di quei cori infantili, di quelle comuni preghiere che portano a Maria l'ardore di mille e mille cuori.
I bambini fanno i «fioretti» ; piccole offerte di bontà alla Madre del Cielo.
Ricordo una bambina che nel suo libriccino legato da un nastrino bianco annotava, giorno per giorno i fioretti del mese di Maggio:
Oggi ho rinunciato alla frutta scriveva ingenuamente - oggi ho regalato un quaderno che mi piaceva... e così via: tutti i giorni era un fiorire di piccole rinunzie, di piccoli sacrifici. Poesia delle cose gentili!
In campagna, nelle sere di maggio, quando si ritorna dalla chiesa con l'anima serena e pulita, l'aria sa di fieno e dai giardini occhieggiano tanti puntini luminosi.
Sono le lucciole, i «lanternini della Madonna », e ricordano un episodio della vita della Madre di Gesù.
Un giorno e.ssa e il suo bambino Gesù si erano attardati per i campi e, venuta la sera, non trovavano più la via di casa. Era cosÌ scuro che non ci si vedeva più nulla.
Allora il buon Dio mandò giù sulla terra tanti piccoli insetti che con la luce che emanavano, fecero strada agli smarriti fino a casa.
Erano le lucciole.

Leggi le Poesie sul mese di Maggio

Commenti

Potrebbero interessarti