Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-luciano-tarabella/la-via-crucisse-di-luciano-tarabella.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktbHVjaWFuby10YXJhYmVsbGEvbGEtdmlhLWNydWNpc3NlLWRpLWx1Y2lhbm8tdGFyYWJlbGxhLmh0bWw=
    it-IT

    Valutazione attuale: 1 / 5

    Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Luciano Tarabella
    La Via Crùcisse 

    "Popolo di Giudea cosa mi dite?"
    -BARABBAAA!!!- " Bene, che così sia fatto
    Ora che le mie mani son pulite
    per me son fatti vostri, me ne sbatto!"

    -Ir bello si vedrà sulle salite!-
    Pensava Gesù Cristo, mezzo sfatto,
    ner mentre sulle spalle rinsecchite
    tranava du' legnoni come un matto.

    Quarcuno l'asciugò lungo la via
    e fu inventata la fotografia.
    La folla per picchiàllo si picchiava
    e Lui piangeva e, guasi, smoccolava.

    -Ma che vò fatto? Oioi che gollettone!
    Boia che sputo!Popò di carcagnata!
    Bimbo, stai bòno!Aiò c'è ir Centurione!

    Finchè quer cristo, stretto ner binario
    fra uno storciodiòllo e 'na pedata,
    ti riva,marzagrato, sul Calvario.

    E in croce disse: - Babbo, lo sapevo
    che finiva così! Nelle tu' mani
    ti rendo ir fiato. Io te lo dicevo
    si perde tempo a fànne de' gristiani!

    Deh, guardami in che stato, faccio pena!
    'Sa 'osa, e lo rifaccio il Redentore!
    Vai ci mancava, una lanciata al còre!
    Fra poìno... son lì, mi...scardi...ce..nahhhhh!!!


     (vernacolo livornese)

    Commenti

    Potrebbero interessarti