Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-lorenzo-corda/poesia-di-lorenzo-corda-incarnazione-di-un-musico-greco.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktbG9yZW56by1jb3JkYS9wb2VzaWEtZGktbG9yZW56by1jb3JkYS1pbmNhcm5hemlvbmUtZGktdW4tbXVzaWNvLWdyZWNvLmh0bWw=
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    dio pan
    Poesia di Lorenzo Corda
    Incarnazione di un musico greco

    Io seguo il dio Pan,
    consegno a voi, umani moderni,
    la chiave della pazzia,
    omeopaticamente curerete i vostri mali
    entrando nelle tenebre dell'insania coribante.
    Non cercate la redenzione nella sanità,
    il dio che scelse questi tempi per mostrarsi
    vi offrirà una via d'uscita.
    Seguite l'istinto di festa, il vino bacco e l'alloro,
    gettando le maschere carnascialesche,
    seguite con aitante prestanza
    la glossa antica degli antichi sapori,
    giovinastri, gette ai fiori le vostre antenne di www....
    e addolcite la mente con la realtà della festa.
    Io musico greco, di antica misura,
    curerò la vostra pazzia.

    Commenti

    Potrebbero interessarti