Sunettu a Beethoven di Giuseppe Vita

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sunettu a Beethoven
di Giuseppe Vita

So' veramenti assai li musicishti

ca fèciuru t'la mùsaca la Shtoria,

ma cchiù, 'ntra tutti cuiddi ca hamu vishti,

Beethoven è rimashtu 'nt'la mimoria.

 

Tetescu e figghiu ti do' umili artishti,

Ludwìg 'nu geniu fuè et avìu vittoria.

Comu iddu muni nisciun'atru esishti,

percé 'rrivò alla màssama culoria.

 

Eppuru iddu pruvò tanta dulori,

percé a trent'anni cchiù no' nci sinteva

ta li do' 'recchj mancu 'nu rumori.

 

E, toppu ca era surdu, compuneva

cuncierti e sinfunìi ti cran' valori.

La mùsaca 'nt'lu cori la sinteva.

 

Traduzione
Sonetto a Beethoven 

Son veramente molti i musicisti

che fecero la Storia della musica,

ma più, tra tutti quelli che abbiam visti,

Beethoven è rimasto nella memoria.

 

Tedesco e figlio di due umili artisti,

Ludwig un genio fu ed ebbe vittoria.

Come lui adesso nessun altro esiste,

perché raggiunse la massima gloria.

 

Eppure lui provò tanto dolore,

perché a trent'anni non sentiva più

da ambedue gli orecchi neanche un rumore.

 

E, anche se era sordo, componeva

concerti e sinfonie di gran valore.

La musica nel cuore sentiva.

 

Sonetto classico in vernacolo sanvitese(alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

Commenti

Potrebbero interessarti