Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Cori ti mamma

La mamma mea, ti quannu se n'è sciuta,
cu mi pó cunsulà' mi veni 'n suennu;
mi 'uarda, mi carizza e poi, ritennu,
s'ni torna sobbra ddà, ti ddò' è vinuta.

Pi mmei la mamma è sempri shtravituta;
no' mi vuleva sèntiri chiancennu
e mu', ca lu dulori va criscennu,
no' vvogghju cu rrimani tispiaciuta.

"Ma', ti prumettu ca no' chianciu cchiù
e, puru ci tu ha' morta e m'ha' lassatu,
ti sentu sempri viva 'ntra lu cori!".

"Iu fazzu sempri cuddu ca vuè tu!
Shto cquani, fi', no' t'hagghiu 'bbandunatu!
La mamma è sempri mamma e no' nci mori!".

Traduzione:

Cuore di mamma

La mamma mia, da quando se n'è andata,
per potermi consolar mi viene in sogno;
mi guarda, mi carezza e poi, ridendo,
se ne torna lassù, da dove è venuta.

Per me la mamma ha sempre straveduto;
non voleva sentirmi piangere
ed ora, che il dolore va crescendo,
non voglio che rimanga dispiaciuta.

"Mamma, ti prometto che non piango più
e, pure se tu sei morta e m'hai lasciato,
ti sento sempre viva dentro il cuore!".


"Io faccio sempre quello che vuoi tu!
Sto qua, figlio, non t'ho abbandonato!
La mamma è sempre mamma e non muore!".