Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

colline
Sonetto in vernacolo sanvitese
di Giuseppe Vita 
Senza pritènniri

T'la vita nu' mai nienti hamà pritènniri,
perc'è surtantu cosa rispittàbbili;
ci simu fatti pi vuliri e 'ntènniri
hamà ssapiri usà' maneri amàbbili.

La vita è una surtantu e l'hama spènniri
cu tanta sacrificiu, cá è onoràbbili
e sacra quantu mai; no' n'l'hama vvènniri
pi picca o nienti, cá è tisonoràbbili.

Hatà sapiri viviri e no' crètiri
a cci si 'cciti pi 'na cosa inùtili
comu li sordi e cce ti faci vètiri

cosi ca pàrunu, ma no' ssontu ùtili,
percé tu hatà fatià' pi putì' mètiri.
No' lli pinzari cuiddi ddà, ma spùtili!


Traduzione
Senza pretendere

Dalla vita noi mai niente dobbiam pretendere,
perché è soltanto cosa rispettabile;
se siamo fatti per volere e intendere
dobbiam sapere usar maniere amabili.

La vita è una soltanto e dobbiam viverla
con tanto sacrificio, ché è onorabile
e sacra quanto mai; non dobbiam venderla
per poco o niente, ché è disonorante.

Devi sapere vivere e non credere
a chi si uccide per una cosa inutile
come i soldi o ciò che ti fa vedere

cose che sembrano, ma non sono utili,
perché tu devi lavorar per poter mietere.
Non pensarli quelli là, ma sputali!


Sonetto sdrucciolo in vernacolo sanvitese (alto salentino)
con relativa traduzione. Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.
Gli endecasillabi sono tutti sdruccioli.