Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sonetto in vernacolo sanvitese
di Giuseppe Vita
Dulori

Quannu ti manca 'na pirsona cara

comu 'nu figghiu, 'na mamma o 'n attani,

è ccosa tantu dulurosa e amara

ca no' s'havà augurà' mancu alli cani.

 

È situazzioni ca no' ssi ripara

e pi 'na vita 'ntera ti rimani,

ricuerdu ti 'na vota tantu chiara

ca quantu cchiù nci pienzi cchiù lu sani.

 

Dulori ca nisciuna miticina

pó ffa' passà', perc'èti 'ntra lu cori

comu 'na tragghia e pesciu ti 'na spina.

 

Ti faci sènti' 'n cuerpu 'nu trimori

e puru l'ànama, ca si shtrascina,

si senti 'ntrignulà' pi lu gghiazzori. 

 

Traduzione
Dolore

Quando ti manca una persona cara

come un figlio, una mamma o un padre,

è cosa tanto dolorosa e amara

da non augurarsi neanche ai cani.

 

È situazione che non si ripara

e per una vita intera ti rimane,

ricordo di una volta tanto chiara

che quanto più ci pensi più lo sai.

 

Dolore che nessuna medicina

può far passare, perch'è dentro il cuore

come un erpice e peggio di una spina.

 

Ti fa sentire in corpo un tremore

e pure l'anima, che si strascina,

si sente intirizzire per il gelo.