Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sonetto di Giuseppe Vita 
'Sht'annu se n'è sciutu com'a l'atri

Pi vètiri lu tiempu comu passa

bashta pinzari a quannu è Caputannu:

a menzanotti, 'n'annu ca ni lassa

e 'n'atru trasi, comu tutti sannu.

 

È cuddu lu mumentu ca s'la spassa

lu munnu 'nteru, in quantu tutti fannu

cce vvollu, ccussì mènunu 'na massa

ti cosi viecchj e fannu puru tannu.

 

Cuesht'è 'na feshta fatta cu li bbotti,

perdenni lu pirìculu èti assai

e pò èssiri pi nui l'ùrtama notti.

 

Percéni n'hama mmetti' nta li 'uai?

Percéni ognunu ti nu' s'n'hava ffotti'!

Pinzamu all'annu nuevu ca èti crai!

 

Nu' no' hamu tittu mai:

"Ci 'sht'annu si n'è sciutu com'a l'atri

  tutti hama rincrazzià' lu 'Ternupatri!".

Traduzione

Quest'anno è passato come gli altri

Per vedere come passa il tempo

basta pensare a quando è Capodanno:

a mezzanotte, un anno che ci lascia

ed un altro inizia, come tutti sanno.

 

È quello il momento in cui si diverte

il mondo intero, in quanto tutti fanno

ciò che vogliono, così gettano una gran quantità

di cose vecchie e fanno anche danno.

 

Questa è una festa fatta con i botti,

per cui il pericolo è notevole

e può essere per noi l'ultima notte.

 

Perché dobbiamo metterci nei guai?

Perché ognuno di noi deve fregarsene?

Pensiamo all'anno nuovo che è domani!

 

Noi non abbiamo detto mai:

"Se quest'anno è passato come gli altri

  tutti dobbiam ringraziar il Padre Eterno!".

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese(alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.

San Vito 29/12/2018

Commenti

Potrebbero interessarti