Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sonetto di Giuseppe Vita 
La visciglia ti Natali

Lu giurnu cchiù 'spittatu tuttu l'annu

è certamenti cuddu t'la visciglia

t'la feshta cchiù 'mpurtanti, comu sannu

crishtiani e atri, cu tanta maraviglia.

 

Natali quannu 'rriva tutti fannu

quantu lu cori loru nci cunziglia;

ricali 'ntra ti loru vollu dannu

e vollu shtari 'nziemi alla famiglia.

 

La sera t'la visciglia ti Natali

nui ni sintimu t'èssiri manzueti,

percé feshta è ca cchiù t'ogni atra vali;

 

hamà sapiri usà' li bueni mueti;

ccucchiàm'ni e no' facìmuni cchiù mali;

è lu Bamminu ca ni voli accueti.

 

Traduzione

La vigilia di Natale

Il giorno più atteso tutto l'anno

è certamente quello della vigilia

della festa più importante, come sanno

cristiani ed altri, con tanta meraviglia.

 

Quando arriva Natale tutti fanno

quanto il loro cuore consiglia;

vogliono scambiarsi regali tra di loro

e vogliono stare insieme ai familiari.

 

La sera della vigilia di Natale

noi sentiamo d'essere affabili,

perché è festa che ha più valore di tutte le altre;

 

dobbiamo saper usar le buone maniere;

uniamoci e non facciamoci più male;

è il Bambino(Gesù) che ci vuole raccolti.

Sonetto classico in vernacolo sanvitese(alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

Commenti

Potrebbero interessarti