Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sonetto di Giuseppe Vita 
Bbifanìa

E ssi mushtrò ccussì all'Umanità

tùtici giurni doppu ca era natu

lu Bamminieddu. Li Re Mmaggi ddà

purtò la shtella, poshtu nzignalatu.

 

Li tre ricali vollu tinnu assà'.

L'oru, lu 'ncienzu e mirra hannù purtatu:

Maishtà, prufumu e tant'amaru ca

havà passà', fincá non è 'nchiutatu.

 

La Bbifanìa èti feshta assai 'mpurtanti,

cá lu Bamminu voli shta' cu nu'

ta quann'è natu fign'a quannu mori.

 

Putimu ddivintari tutti Santi

shtannu cu lu Bamminu sempri cchiù,

percé Iddu ni ricala tant'Amori.

Traduzione

Epifania

E si manifestò così all'Umanità

dodici giorni dopo che era nato

il Bambinello(Gesù). I Re Magi là

guidò la stella, luogo segnalato.

 

I tre doni vogliono significare tanto.

L'oro, l'incenso e mirra hanno portato:

Regalità, profumo(divino) e tante amarezze che

(Gesù) subirà, finché non sarà inchiodato(sulla croce).

 

L'Epifania è festa molto importante,

ché il Bambino vuole star con noi

da quando è nato fino alla Sua morte.

 

Possiamo diventare tutti Santi

stando col Bambino sempre più,

perché Lui ci dona tanto Amore.

Sonetto classico in vernacolo sanvitese(alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDE/CDE.

San Vito 05/01/2018