Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sonetto di Giuseppe Vita 
A San Franciscu t'Assisi

"Pi Tei ca si' lu Santu Puvirieddu

t'Assisi e ti l'Itaglia lu Patrunu

osci è la feshta e Ti purtamu ncueddu,

cá Santu com'a Tei no' nc'è nisciunu!

 

Pi Tei lu Frati Soli è lu cchiù beddu,

cá dà calori e luci pi ognitunu

e Tu ha' vulutu puru fa' l'aucieddu

pi priticari all'atri a unu a unu!

 

Ha' tant'amatu tutti l'animali,

perfinu puru 'nu lupu feroci

ca a tutti l'Eugubbini facea mali.

 

Spiecavi sempri cu 'nu tonu toci

a tutti li crishtiani lu 'ssinziali

e ha' 'vutu poi li shtìmmiti t'la Croci.

 

Püèti, a ierta voci

ludàmuLu e purtàmuNci li fiuri,

cá Iddu scrivìu lu "Cant'cu t'li Criaturi".

 

Traduzione

A San Francesco d'Assisi

 

"Per Te che sei il Santo Poverello

d'Assisi e dell'Italia il Patrono

oggi è la festa e Ti portiamo sul dorso,

ché Santo come Te non c'è nessuno!

 

Per Te Fratello Sole è il più bello,

ché dà calore e luce per ognuno di noi

e Tu hai voluto anche farTi uccello

per predicare agli altri(uccelli) ad uno ad uno!

 

Hai tanto amato tutti gli animali,

finanche un lupo feroce

che terrorizzava tutti gli abitanti di Gubbio.

 

Spiegavi sempre con un tono dolce

a tutte le persone l'essenziale

ed hai avuto poi le stigmate del Cristo.

 

Poeti, ad alta voce

lodiamoLo e portiamoGli i fiori,

ché Lui scrisse il "Cantico delle Creature".

San Vito 04/10/2016

Sonetto caudato in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa

traduzione. Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD, dEE.