Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Vecchiu

Eccu ca, doppu cchiù ti sessant'anni,
l'età pi sci' 'n pinzioni è già 'rrivata;
no' faci nienti ca hagghiu fattu cranni;
ringrazziu Diu ca la fatìa è spicciata!

Pi quarant'anni e ppassa, hagghiu shtatu
a ffa' serviziu sotta lu Guvernu
e finalmenti m'hagghiu libberatu
ti tanta 'mpicci e di 'nu cruessu piernu.

E mmu' mi vogghiu godu in santa paci
lu tiempu ca mi reshta ti 'shta vita;
mi vogghiu shtennu sobbra la vammaci,
percé mi sentu shtraccu t'la partita.

No' ssontu cchiù lu giovini t'na vota;
lu tiempu faci shturtigghiari l'ossi
e no' surtantu a mei, percé è 'na rota
ca gira sempri, comu nienti fossi!

Ormà' cce pozzu fa', cá so' già vecchiu?
Ticimu ca mi godu la vicchiaia,
ma ci mi giru 'nturnu mi rispecchiu
surtantu a cuera ca è 'na mis'ra paja.

No' m'la 'spittava ca era essi' ccussì!
Unu fatìä pi 'na vita e poi
si senti ca shta quasi pi murì',
percé li 'uai so' cchiù ti unu e doi.

No' ni parlamu poi ci reshta sulu;
putimu tiri ca pi iddu è spicciata;
doppu ca è fatiatu comu 'nu mulu,
eccu cce bbella cosa è 'uatagnata!

'Nu vecchiu ormai no' tteni cchiù valori,
perc'è cuddu ca è già 'rrivatu pponta;
puru ci teni lu cchiù granni cori,
pi tutti l'atri è cosa ca no' conta.


Traduzione:


Vecchio

Ecco che, dopo più di sessant'anni,
l'età per andar in pensione è già arrivata;
non fa niente che son diventato grande(d'età);
ringrazio Dio che la fatica è terminata

Per quarant'anni e passa, sono stato
a far servizio sotto il Governo
e finalmente mi sono liberato
da tanti impicci e da un grosso guaio.

Ed or voglio godermi in santa pace
il tempo che mi resta di questa vita;
voglio stendermi sopra la bambagia,,
perché mi sento stanco della partita.

Non sono più il giovane d'una volta;
il tempo fa storcere le ossa
e non soltanto a me, perché è una ruota
che gira sempre, come niente fosse!

Ormai che posso far, ché son già vecchio?
Diciamo che mi godo la vecchiaia,
ma se mi giro intorno mi rispecchio
soltanto a quella che è una misera paga.

Non me l'aspettavo che sarebbe stato così!
Uno lavora per una vita e poi
si sente che sta quasi per morir,
perché i guai son più di uno e due.

Non parliamone poi se resta solo;
possiamo dire che per lui è finita;
dopo che ha lavorato come un mulo,
ecco che bella cosa ha guadagnato!

Un vecchio ormai non ha più valore,
perch'è quello che è già arrivato in fondo;
pure se ha il più grande cuore,
per tutti gli altri è cosa che non conta.

Poesia in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Commenti

Potrebbero interessarti